Giovedì sulla terra rossa di casa di Madrid ha stabilito
l’ennesimo record: 50 set di fila vinti sulla stessa
superficie, scavalcato John McEnroe, che nel 1984 era arrivato
a 49 sul veloce indoor. Scontato che sia proprio lui, Rafa
Nadal, il principale favorito degli Internazionali. Conquistati
Montecarlo e Barcellona, al Foro Italico arriva da favorito
numero uno, nonostante l’eliminazione ai quarti di Madrid. In
caso di successo consoliderebbe ulteriormente il suo record di
tennista più vincente di sempre del torneo di Roma, salendo a 8
titoli. L’ultimo degli Internazionali risale al 2013 e l’ultima
finale al Foro Italico è dell’anno successivo, quando è stato
sconfitto in finale da Novak Djokovic. Ma ora Nadal sembra
essere pronto per ribadire la propria supremazia a Roma. Anche
perchè gli avversari in grado di ostacolarlo sembrano essere
davvero pochi.

Assenti Roger Federer (che ha deciso di saltare l’intera
stagione sulla terra rossa) e Andy Murray, ci sarà invece Novak
Djokovic. E’ vero, il serbo qui ha vinto nel 2008, 2011, 2014,
2015 e l’anno scorso ha ceduto solo in finale ad Alexander
Zverev, ma i numeri non bastano. Djokovic non è apparso
decisamente al top della forma. Dopo aver superato Nishikori a
Madrid ha faticato soprattutto sul piano fisico contro Edmund
(n.22 del mondo), che lo ha eliminato in tre set al secondo
turno. Con queste premesse, in griglia alle spalle di Nadal ci
sono allora il campione uscente Alexander Zverev (vincitore
quest’anno già sulla terra rossa di casa, a Monaco) e Dominic
Thiem, seguiti da Dimitrov, Goffin, Del Potro. L’Italia punta
su Fabio Fognini, che dopo essere uscito al primo turno a
Madrid (messo al tappeto dal n.45 del mondo Mayer in due set) è
pronto per riscattarsi.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here