Si ferma ancora una volta agli ottavi la corsa di Andreas
Seppi
agli Australian Open. L’azzurro ha
ceduto 6-7(4), 7-5, 6-2, 6-3 al britannico Kyle
Edmund
in poco meno di tre ore di gioco. Alla quarta
qualificazione agli ottavi a Melbourne (in 13 partecipazioni,
2013, 2015 e 2017 i precedenti), l’altoatesino ha dovuto dire
addio ai sogni di gloria, lasciando strada al numero 49 ATP,
che entra tra i migliori 8 di uno Slam per la prima volta in
carriera. Reduce dal successo nel challenger di Canberra,
l’italiano si arrende dopo aver battuto il francese Moutet, il
giapponese Nishioka e il 38enne gigante croato Ivo Karlovic.
I quarti restano dunque un tabù per Andreas, numero 76
ATP, che lo scorso anno fu fermato negli ottavi da Wawrinka
dopo aver rimontato due set e annullato un match point a
Kyrgios al secondo turno. Match dai due volti quello con
Edmund, con Seppi che ha giocato alla grande il primo set e
mezzo, prima di cadere sotto i potenti colpi del 23enne
britannico.  Il rosso ha colpito duro, recuperando un
break nel secondo parziale e andando a chiudere 7-5 strappando
ancora il servizio all’italiano. Seppi ha pagato a caro prezzo
lo sforzo al quinto set con Karlovic di 48 ore prima,
cedendo alla distanza e dovendo ricorrere anche a un
medical time-out nel finale per un problema alla spalla. Edmund
ha sfruttato un super servizio, capace di produrre 25 aces (con
soli 3 doppi falli) e ben l’80% di punti con la prima (il 60%
in campo), superando nettamente l’avversario nei vincenti
(63-42) e concedendo all’azzurro un solo break in tutto il
match. Il 23enne diventa il primo tennista britannico, oltre
Andy Murray naturalmente, a raggiungere un quarto di finale a
Melbourne dopo 33 anni (1985, John Lloyd): i tifosi di Sua
Maestà sperano di aver trovato un altro fenomeno per il
futuro. 



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here