Caroline Wozniacki ha conquistato gli Australian
Open
femminili. La danese, seconda testa di serie del
tabellone, ha battuto la numero 1 del mondo Simona Halep
con i parziali di 7-6(2), 3-6, 6-4 in due ore e 50′ di
gioco. Per Caroline si tratta del primo Slam conquistato
in carriera, dopo le due finali perse a New York nel 2009 e nel
2014: da lunedì sarà anche la nuova numero 1 del ranking
WTA
. Wozniacki parte fortissimo e piazza il break già nel
secondo gioco, conducendo gli scambi  e volando subito via
3-0. Halep comincia a carburare dal quarto game, trovando
finalmente qualche lungolinea e sciogliendo il braccio: la
danese ha la tremarella nel nono gioco, quando va a servire per
il set e non riesce a chiudere, regalando l’opportunità alla
rivale di rientrare in partita (5-5). Si va così
all’inevitabile tie-break, dove a spuntarla è Wozniacki, che
chiude 7-2 grazie a a una prima capace di regalarle l’80% dei
punti e una seconda sempre solida (60%). La danese ha una
condizione atletica invidiabile e tenta costantemente di
allungare gli scambi. Halep sopravvive al terzo gioco, una
maratona durata 12’ e 18 punti, in cui annulla quattro palle
break, ma deve ricorrere agli integratori sul 3-2 (con il
medico chiamato a misurare la pressione arteriosa della numero
1 del mondo), anche a causa del gran caldo di Melbourne,
con le temperatura sopra i 30°C nonostante si giochi in
notturna e un’umidità che rende il calore percepito intorno ai
38°C. Si vive sul filo dell’equilibrio fino al 4-3, quando la
romena strappa a sorpresa il servizio all’avversaria (scesa dal
 71%di prime in campo al 43%), andando poi a chiudere 6-3
in 48’ nonostante una precaria condizione fisica. La ‘heat
rule’ consente alle due giocatrici di prendersi una decina di
minuti di pausa prima di cominciare il set decisivo, in cui
Wozniacki torna a comandare gli scambi, sfruttando anche
l’inevitabile calo fisico dell’avversaria. La futura
signora Lee (l’ex centro degli Warriors ha fatto la proposta un
paio di mesi fa) piazza il break nel secondo game, ma perde un
altro gioco maratona (18 punti) che sembra rimettere in pista
Halep. Altri due break consecutivi evidenziano la grande
paura di vincere di entrambe, con Caroline che va in
crisi fisica (medical time-out per farsi curare il tendine
rotuleo del tendine sinistro) e piscologica dopo aver ceduto la
battuta per la terza volta di fila all’avversaria, che mette la
freccia sul 4-3. Nessuna delle due sembra voler portare a casa
lo Slam, tanto che Halep butta via ancora il servizio stremata
dalla fatica, consentendo a Wozniacki l’ennesimo controsorpasso
e la gioia del trionfo per 6-4. Wozniacki cancella così lo
zero dalla casella trofei Slam vinti, imitando Mauresmo e
Clijsters che hanno recuperato vincendoli successivamente al
raggiungimento della vetta nel ranking WTA, al contrario di
Jankovic e Safina, che invece non ci sono mai riuscite.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here