Prosegue l’ecatombe dei big al Masters 1000 di Indian
Wells
. Dopo Zverev, Thiem, Dimitrov e Djokovic, è la volta
di Marin Cilic, numero 2 del seeding e finalista agli
ultimi Australian Open. Il 29enne di Medjugorje, è stato
battuto al terzo turno con un doppio 6-4 dal tedesco Philipp
Kohlschreiber
, numero 37 del ranking e 31^ testa di serie,
che si è confermato una volta di più una bestia nera per Cilic,
uscito sconfitto sette volte in undici testa a testa. Nel match
che vale l’accesso ai quarti di finale il 34enne di Augsburg
troverà dall’altra parte della rete il francese Pierre-Hugues
Herbert, numero 93 ATP, che ha fatto suo il derby con il
connazionale Gael Monfils, numero 42 del ranking, costretto al
ritiro quando era sotto per 6-2, 3-1: Kohlschreiber conduce per
3-1 nel bilancio dei precedenti. Chi ha risposto presente è
invece Juan Martin Del Potro
. Dopo il convincente ingresso
in scena lasciando appena tre game al Next Gen australiano Alex
De Minaur, l’argentino, numero 8 ATP e sesta testa di serie,
che dopo il trionfo nel torneo di Acapulco viene considerato
quale vero rivale di Federer per il titolo, ha superato in due
set anche il veterano spagnolo David Ferrer, numero 33 ATP e
20° nel seeding: 6-4, 7-6(3) il punteggio con cui in un’ora e
46′ il gigante di Tandil, finalista a Indian Wells nel 2013 e
semifinalista due anni prima, si è aggiudicato il 13° confronto
con l’iberico, il terzo in questa stagione, dopo quelli vinti
in semifinale ad Auckland e la settimana scorsa proprio in
Messico. A contendere a Delpo l’accesso ai quarti di finale
sarà il connazionale e amico Leonardo Mayer, numero 47 della
classifica mondiale, che ha posto fine con un netto 6-4, 6-1
all’avventura del giapponese Taro Daniel (numero 109 ATP),
divenuto eroe nazionale dopo aver estromesso il rientrante
Novak Djokovic. Chi potrebbe approfittare di questo pazzo
tabellone è Milos Raonic
(32), che dopo parecchi mesi di
difficoltà a causa di problemi fisici, si è qualificato agli
ottavi battendo in tre set il portoghese Joao Sousa,
giustiziere di Sascha Zverev. 7-5, 4-6, 6-2 i parziali per il
canadese, che ora affronterà l’evergreen Marcos
Baghdatis
(102 ATP). Il cipriota, classe 1985, ha superato
l’israeliano Dudi Sela 7-6, 6-4, proseguendo così la sua favola
californiana. Il pubblico americano saluta uno dei suoi
idoli, Jack Sock
. L’ottava testa di serie, vincitore del
Masters di Parigi 2017, ha detto addio al torneo di casa dopo
il ko subito da Feliciano Lopez (28), che si è imposto 7-6,
4-6, 6-4 dopo due ore e 25′ di lotta. I tifosi americani si
consolano con Sam Querrey (18), che ha piegato la resistenza
dell’indiano Yuki Bhambri e che agli ottavi cercherà
di vendicare il connazionale proprio contro Lopez. 



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here