Serena Williams contro Naomi Osaka è stata
definita da molti la sfida tra la maestra e l’allieva. Quello
andata in scena al primo turno del Miami Open, WTA
Premier Mandatory in corso sui campi in cemento del Tennis
Center di Crandon Park, in Florida, sa tanto di passaggio di
consegne. Osaka, reduce dallo straordinario trionfo di Indian
Wells (primo successo in carriera per la giapponese) ha infatti
dato una durissima lezione al suo idolo Serena Williams, la
padrona del torneo con i suoi 8 trionfi (2002, 2003, 2004,
2007, 2008, 2013, 2014 e 2015), quest’anno in gara con una wild
card dopo essere rientrata ad Indian Wells dopo lo stop per
maternità. Già in California l’ex numero 1 del mondo
(precipitata oltre la 400^ posizione del ranking) aveva
ceduto presto le armi nel derby con la sorella Venus
,
avendo pagato a caro prezzo i 13 mesi di inattività dopo la
nascita della figlia Alexis Olympia. Anche contro Osaka, non
c’è stata storia: la signora degli Slam ha ceduto per 6-3,
6-2
, in un’ora e 17′. Match che è stato in equilibrio fino
al tre pari del primo parziale, prima che Naomi salisse in
cattedra contro una Williams ancora parecchio lontana dalla
condizione ottimale. La giapponese di casa in Florida, dove ha
la residenza, conferma il suo ruolo di ‘ammazza-grandi’
e centra l’ottava vittoria consecutiva. Prima di Serena erano
già cadute ai piedi del suo dritto micidiale e del suo servizio
‘alla Williams’ anche Sharapova, Radwanska, Vickery, Sakkari,
Pliskova, Halep e Kasatkina. Al secondo turno ora troverà
un’altra avversaria complicata, ovvero l’ucraina Elina
Svitolina, quarta favorita del seeding, che però a questo punto
rischia di finire sulla lista nera della scatenata Osaka.
Debutto nella notte per Camila Giorgi, numero 62 del
ranking mondiale, che affronta al primo turno la croata Donna
Vekic, numero 55 WTA: la 21enne di Osijek si è aggiudicata in
due set l’unico precedente, disputato cinque anni fa al primo
turno sull’erba di Birmingham. La 26enne di Macerata è l’unica
azzurra nel tabellone principale dopo le eliminazioni nelle
quali di Roberta Vinci e Sara Errani. 



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here