Prosegue il momento magico di Juan Martin Del Potro, che
batte Kei Nishikori al terzo turno del Miami Open
e centra la sua vittoria consecutiva numero 13, tornando agli
ottavi del Masters americano dopo sei anni. L’argentino,
quinta testa di serie e reduce da due trionfi consecutivi ad
Acapulco e Indian Wells, ha battuto nettamente il giapponese
(testa di serie numero 26 del seeding) con il punteggio di 6-2,
6-2 in un’ora e 12′ di gioco. Delpo se la vedrà ora con il
serbo Filip Krajinovic (22), che ha superato con un
doppio 6-3 il francese Benoit Paire. Soffre ma accede agli
ottavi Marin Cilic. La seconda testa di serie del
Masters ha battuto 7-5, 7-6(4) il canadese Vasek Pospisil,
raggiungendo il suo miglior risultato a Miami dai quarti del
2013. Alla sua decima apparizione in Florida, Cilic è la testa
di serie più alta del tabellone dopo l’uscita a sorpresa di
Roger Federer. Il croato si è imposto dopo un’ora e 54′ di
gioco, grazie a sei aces e salvando tre palle break e sogna ora
il suo secondo Masters della carriera dopo quello centrato a
Cincinnati 2016. Cilic attende agli ottavi il vincente del
match tra John Isner e Mikhail Youzhny.

Chung ancora immacolato

Finisce al terzo turno la favola di Michael Mmoh:
l’americano è stato battuto in 63′ dal campione del Next
Gen Hyeon Chung, che si è imposto con un doppio 6-1
e che prosegue la sua striscia perfetta a Miami, dove non ha
perso ancora un set. Chung, alla 17^ vittoria in questa
stagione, vuole migliorare il suo best result in un Masters,
arrivato la scorsa settimana a Indian Wells, quando ha ceduto a
Roger Federer. L’occasione è ghiotta già dagli ottavi, quando
si troverà di fronte il portoghese Joao Sousa, che
ha conquistato la sua 150^ vittoria nel circuito battendo lo
statunitense Jared Donaldson 1-6, 6-3, 6-4 in un’ora
e 55′. Sousa approda tra i migliori 16 a Crandon Park per la
prima volta della carriera, mentre i quarti di Madrid 2016
restano il suo miglior risultato di sempre in un Masters. Il
portoghese si conferma in grande forma, avendo battuto in una
settimana due Top 10 come Goffin e Sascha Zverev (a Indian
Wells). Lunedì al terzo turno torna in campo Fabio
Fognini
, che punta a confermare lo splendido torneo dello
scorso anno quando si arrese solo in semifinale a Rafa Nadal.
L’azzurro dovrà vedersela con l’australiano Nick
Kyrgios
, numero 20 ATP e 17^ testa di serie, quest’anno già
vincitore di un titolo a Brisbane. Il 22enne di Canberra 
è stato semifinalista a Miami nelle ultime due edizioni,
fermato nel 2016 da Nishikori e lo scorso anno da Federer (al
tie-break del terzo set). Tra i due non ci sono
precedenti. 



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here