Madrid si è risvegliata dopo lo choc dell’eliminazione di
Rafa Nadal
, che ha concluso una clamorosa striscia vincente
di 50 set consecutivi e 21 partite senza perdere sul rosso. E’
giorno di semifinali al Mutua Madrid Open”, quarto ATP
Masters 1000 stagionale, in corso sui campi della Caja Magica.
Le partite sono in diretta esclusiva su Sky Sport
HD. 

Thiem, la conferma con Anderson dopo il miracolo (ore
16)

Dominic Thiem si è ripetuto. Un anno dopo aver fermato
Rafa Nadal ai quarti di Roma, ha battuto il fenomeno di Manacor
sul rosso madrileno, interrompendo i suoi incredibili record e
facendogli anche perdere la prima piazza del ranking ATP, in
quella che era la riproposizione della finale 2017.
L’austriaco, numero 7 del ranking e quinta testa di
serie, troverà il sudafricano Kevin Anderson,
numero 8 del mondo e settimo favorito del torneo, che ai quarti
ha posto fine alla corsa del serbo Dusan Lajovic, 95° in
classifica, partito dalle qualificazioni.
Il sudafricano ha vinto tutti i sei testa a testa
con Thiem, nessuno però disputato sulla terra, superficie su
cui l’austriaco va a caccia del suo primo 1000 della carriera.

Zverev-Shapovalov, sfida tra giovani (ore 21)

Sarà tutta Next Gen la semifinale della metà inferiore
del tabellone. Il canadese Denis Shapovalov, 43 Atp, ha
prevalso sul britannico Kyle Edmund, numero 22 Atp,
confermandosi in stato di grazia. Per il 19enne mancino nato a
Tel Aviv, che prima di questo torneo non aveva vinto alcun
match su terra nel circuito maggiore, si tratta della seconda
semifinale in un “1000” dopo quella raggiunta nell’agosto
scorso a Montreal. Proprio la riedizione della semifinale
del torneo canadese
va in scena sabato a Madrid, perché
Shapovalov dall’altra parte della rete troverà il tedesco
Alexander Zverev, numero 3 della classifica mondiale e
secondo favorito del seeding. Il 21enne di Amburgo, reduce dal
trionfo bis a Monaco, ha superato lo statunitense John Isner,
numero 9 Atp e settima testa di serie, prendendosi la rivincita
della finale persa a Miami un mese fa quando l’americano
festeggiò il primo trofeo “1000” in carriera. Il 6-4, 7-5 con
il quale Sascha aveva superato Shapovalov nella semifinale di
Montreal è per ora l’unico precedente.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here