Dominic Thiem e Alexander Zverev sono i finalisti
del “Mutua Madrid Open”, quarto ATP Masters 1000
stagionale, che si conclude oggi sui campi della Caja Magica.
Si gioca alle 18.30, con la diretta su Sky Sport 2 HD con il
commento di Elena Pero e Paolo Bertolucci
. L’austriaco,
numero 7 del ranking Atp e quinta testa di serie, è in uno
stato di forma magico: dopo aver sconfitto Rafa Nadal
interrompendo una serie di 21 vittorie di fila sul rosso (con
il record di 50 set consecutivi vinti su una stessa superficie,
migliorando la striscia di 49 che John McEnroe aveva ottenuto
nel 1984 sul veloce), stop che costerà il trono mondiale al
campione spagnolo, ha centrato l’ingresso nella seconda finale
consecutiva nella capitale spagnola dopo quella persa dodici
mesi fa sempre con il mancino di Manacor. Il 24enne di Wiener
Neustadt ha lasciato appena 6 game al sudafricano Kevin
Anderson, numero 8 del ranking mondiale e settimo favorito del
torneo, alla prima semifinale in carriera in un “1000”. Per
Thiem si tratta della prima affermazione ai danni di Anderson
dopo sei sconfitte, tutte sul veloce. L’austriaco giocherà
la 15^ finale nel circuito maggiore
, con 9 trofei fin qui
messi in bacheca, l’ultimo dei quali a febbraio a Buenos Aires,
sempre sulla terra battuta. Nella parte bassa del tabellone è
uscito, come previsto, Alexander Zverev, numero 3 della
classifica mondiale e secondo favorito del seeding, reduce dal
trionfo bis a Monaco. Nella semifinale tutta Next Gen ha
regolato in appena 58′ di gioco, il canadese Denis Shapovalov.
Per il 21enne di Amburgo sarà la 12^ finale Atp in carriera (la
quarta in un 1000), con sette titoli fin qui
conquistati
, l’ultimo appunto domenica scorsa a Monaco,
dopo i cinque vinti nel 2017, due dei quali a livello Masters
(agli Internazionali d’Italia e poi a Montreal). Sarà il
sesto confronto diretto Thiem e Zverev: nel bilancio dei
testa a testa l’austriaco è in vantaggio per 4-1, con ultima
affermazione nel 2017 sul veloce indoor di Rotterdam, mentre
l’unico successo di Sascha è stato ottenuto nel 2016 a Pechino.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here