Ha urlato che adesso è tutta vacanza, è vero, ma in campo è
andata con lo smalto nero. L’anima fa così. Proprio Roberta,
signora del gesto bianco spostato avanti nel tempo. Ha pianto,
inevitabilmente. Gocce di eleganza di un tennis che scivola
via. Se esiste un modo di giocare bene, è il suo. Una maestra,
alla quale Roma ha dato una mano a dire “basta”, decisione
presa da tempo. Quel tempo diventato improvvisamente pieno di
cose lontane dalla racchetta. A batterla è stata una ragazza
russa che si chiama Krunic, che alla fine si è pure scusata,
con la gente e con Robi.

Al tennis manca lo slice più dolce, così nel pomeriggio del
Foro Italico succede che piove col sole. Questa, d’altra parte,
è una storia di rovesci e fenomeni naturali. E dentro c’è una
bella fetta di New York, a settembre. Il punto più alto. Il
ritiro di Roberta profuma di legno ma brilla di una luce
moderna. Come quei tempi verbali nei quali l’azione comincia
nel passato per terminare nel presente. Studiare e mandare a
memoria, per provare a mettere sempre la palla dove vuoi, con
la mano, come lei. Grazie di tutto questo tennis, Roberta.
L’anima è libera, adesso, e puoi verniciare le unghie con i
colori dell’estate. Buona vacanza.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here