Da Stankevicius a Gullit

L’unico parametro per l’eleggibilità nella selezione padana,
come spiegato da capitan Tignonsini, è quello del
senso di appartenenza al territorio e non della stretta
residenza nelle otto regioni del Nord Italia. In passato non è
mancata l’adozione di calciatori nati nel resto della Penisola
o addirittura all’estero: l’ultima spedizione agli Europei
contava infatti su Carmine Marrazzo, salernitano d’origine e
all’epoca bomber del Crema, attaccante come l’albanese Ersid
Pllumbaj
tutt’ora presente tra i 23 prescelti di Arturo
Merlo. Tutti i convocati militano prevalentemente in Serie D,
categoria superiore all’Eccellenza d’attualità per “Tigno”,
Baldan e il 41enne Rota ovvero il miglior marcatore
all-time con 7 reti. Il difensore Magné è l’unico esponente
della Promozione (piemontese), il secondo portiere e cuneense
Zarri è invece studente universitario nel North Carolina. Non
poteva mancare una stella ovvero Marius Stankevicius
dalla scorsa estate in D al Crema, lituano con 65 gettoni in
Nazionale e un’intera carriera ad alti livelli: 113 presenze in
Serie A con Brescia, Sampdoria e Lazio, una buona parentesi in
Spagna (Siviglia, Valencia e Córdoba) fino all’ultimo biennio
nelle serie inferiori italiane. A luglio festeggerà 37 anni,
prima di allora chissà se avrà guidato dalla difesa la marcia
dell’ambiziosa Padania.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here