Confederations show

Dopo la doppietta alla Germania e la copertina di Time,
ecco dunque il golazo al Brasile, che lo aspetta,
corrisposto a dovere: il 16 giugno del 2013 Balotelli bagna il
debutto al Maracanã come meglio non avrebbe potuto, segnando al
Messico il gol della vittoria nella prima partita degli azzurri
in Conf Cup, mostrando al mondo intero gli addominali che aveva
sciorinato nella semifinale europea di Varsavia con i tedeschi.
Mario si ripete con il Giappone (rigore del 3-2, terminerà 4-3
con il gol decisivo di Giovinco) pronto, ora, alla sfida con il
Brasile.

Incassato il vantaggio di Dante (che diventerà il suo capitano
a Nizza, sede dell’amichevole del prossimo 1° giugno con la
Francia) Balotelli non si fa pregare e replica con il tacco che
trasformerà Giaccherini in “Giaccherinho”. Poi la punizione di
Neymar e Fred per il 3-1 verdeoro, ma è ancora Balo a
propiziare la rete di Chiellini e, nonostante il 4-2 del solito
Fred, l’Italia accederà comunque alla semifinale, attesa dalla
Spagna. Ma senza Balotelli, che deve arrendersi a un infortunio
muscolare: “Mi sento un po’ come un perdente, non è bello
andare via così, volevo restare con la squadra, però non potevo
rimanere a non fare niente per una settimana. Devo andare a
Milano e recuperare per i preliminari di Champions. Il
Mondiale? Speriamo che sia anche il mio…”. 



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here