Dalla fotografia post atterraggio, diventata
virale prima della sfida di Kiev contro il Liverpool, già si
poteva ipotizzare: il Real Madrid ci tiene alla scaramanzia.
Ripetere i gesti come buon auspicio per ripetere anche i
risultati: a giudicare dalle quattro Champions League vinte in
cinque anni (tre delle quali consecutivamente) dai Blancos, la
formula sembra funzionare. In occasione dell’ultimo atto del
2017-2018 contro i Reds, però, la squadra di Zinedine Zidane si
è superata. Oltre ai tanti, piccoli gesti porta fortuna nei
giorni precedenti alla gara, infatti, si è assistito anche una
ripetizione del tutto singolare.

Due Real… fotocopia: ma c’è una differenza

Il Real è infatti sceso in campo all’Olimpijski con la stessa
formazione della finale di Cardiff, dal primo all’ultimo
giocatore. Fino a qui nulla di così strano, e infatti c’è di
più: identica è stata infatti anche la foto di rito di inizio
partita, con i giocatori come di consueto schierati su due
file. In ginocchio Casemiro, Marcelo, Carvajal, Isco e Modric;
in piedi invece Navas, Ramos, Kroos, Varane, Benzema e Ronaldo.
Gli undici di Zidane si sono messi in posa esattamente come
nella finale del 2017, con un solo particolare a fare la
differenza (oltre al colore delle divise, mutato da viola a
bianco): la mano sinistra del capitano, Sergio Ramos, è infatti
sulla spalla di Kroos, invece che all’altezza del fianco.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here