Perdere la vita soli 23 anni, farlo davanti agli occhi
increduli di amici e  compagni di squadra. Una coltellata
al petto dopo una lite: è morto così Nicola Della Morte,
impiantista originario di Chiavenna, in provincia di Sondrio, e
calciatore dilettante dell’Ottava (Sassari), prima categoria
sarda. L’omicidio è avvenuto intorno all’una della scorsa
notte. Nicola Della Morte si trovava in un circolo privato
vicino all’impianto sportivo insieme ai suoi compagni di
squadra e ad altri amici: la stagione sportiva si era appena
conclusa, una stagione culminata con la retrocessione della
squadra locale in Seconda categoria, in seguito allo spareggio
perso per 3-1 col Codrongianos sul campo neutro di Nulvi
(Sassari). Una serata come tante altre, che però si è
trasformata in tragedia: secondo la ricostruzione sulla quale
stanno indagando i carabinieri, a colpirlo sarebbe stato un
25enne – Daniele Ventriglia – che, arrivato sul posto, avrebbe
iniziato ad infastidire i presenti, disturbando in particolare
alcune donne che si trovavano nel locale. Da lì l’inizio di una
discussione, con Della Morte che lo avrebbe invitato ad
andarsene, ma l’uomo a quel punto ha estratto un coltello e lo
ha colpito, poi è fuggito.

Fermato il presunto omicida

Una fuga durata poche ore. Daniele Ventriglia, 25 anni,
originario di Carbonia ma residente anche lui a Ottava e
presunto omicida di Nicola Della Morte, è stato arrestato
questa mattina nella borgata sassarese di Ottava dagli agenti
della Polizia stradale. I carabinieri della Compagnia di
Sassari, guidati dal maggiore Fabio Melci, avevano fatto
scattare immediatamente le ricerche congiunte, estese a tutte
le forze dell’ordine. In mattinata gli agenti della Polizia
stradale hanno rintracciato il giovane omicida nei pressi di
una chiesa non lontano dal luogo del delitto. Il giovane è
trattenuto nelle camere di sicurezza della Questura di Sassari.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here