Fattore Penzo, Coronado decisivo?

Venezia in vantaggio negli scontri diretti in stagione:
dopo lo 0-0 al Barbera a dicembre, Inzaghi si è imposto 3-0 a
fine aprile con le reti di Suciu, Stulac e Andelkovic. Risale
proprio a quell’incontro l’esonero di Tedino dettato da
Zamparini, presidente che invocò l’arrivo di Stellone e
che da proprietario del club veneto si era affacciato al grande
calcio. Nient’altro che un ex come Andelkovic da una parte e
Moreo dall’altra, pedine di scena al Penzo ovvero un bunker
nel 2018
per i padroni di casa: 10 vittorie in 12 gare
interne con solo 6 gol al passivo, decisamente un fattore sulla
strada della promozione. Non è un caso che il saldo nel 2018
preferisca il Venezia rispetto ai siciliani, 38 punti contro 32
sebbene con lo stesso numero di sconfitte a testa (5). I
rosanero si affidano al tandem Nestorovski-La Gumina (22
centri in due) alimentati dall’estro di Coronado, 9 reti
in stagione. Veneti privi di un bomber in doppia cifra eppure
esaltati dalla cooperativa del gol con 16 marcatori
diversi
, ennesimo vanto dei lagunari da non trascurare in
chiave Serie A.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here