La tomba del padre, il cuore che batte forte e qualcosa che
scatta nella mente. “Lì ho deciso che avrei dovuto giocare per
il Senegal”. Alfred Gomis non usa giri di parole, non servono
in situazioni come questa. Lui, arrivato in Italia a 3 anni e
cresciuto a Cuneo, non ha dimenticato le sue radici e il suo
Paese, difendendone i colori al prossimo Mondiale. Sarà l’unico
‘italiano’ in Russia, un onore più che un onere, che Gomis
suggellerà portando in valigia il tricolore: “Lo porterò con
me, con orgoglio: mi sento italiano, sia per educazione che per
formazione, non solo sportiva. Sarò sempre grato all’Italia,
qui son cresciuto dall’età di tre anni prima a Cuneo e poi a
Torino, l’ho girata per giocare. Sono arrivato in serie A,
ottenendo con la Spal una storica salvezza: meglio di un
sogno”.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here