Marocco: il giusto mix di giovani talenti ed esperienza

Potenziale mina vagante del Gruppo B, il Marocco può rammaricarsi solo della difficoltà effettiva del raggruppamento, per sognare una qualificazione agli Ottavi di Finale che manca dal 1986, quando diventò la prima squadra africana – araba ad arrivarci. Il sogno è quello di riuscire a sfruttare la nazionale più forte mai avuta nella storia dei “Leoni dell’Atlante”, contando su giocatori del calibro di Mehdi Benatia e Hakim Ziyech. A guidare la compagine marocchina ci sarà Hervé Renard, ex C.T. della Costa D’Avorio con cui vinse la Coppa d’Africa nel 2015. Riuscirà anche in quest’impresa?

 

Portieri: El Kajoui Munir (Numancia), Yassine Bounou (Girona), Ahmed Reda Tagnaouti (Ittihad Tanger).

Difensori: Mehdi Benatia (Juventus), Ghanem Saiss (Wolverhampton), Marouane Da Costa (Basaksehir), Hamza Mendyl (Lille), Badr Benoun (Raja Casablanca), Hakimi Achraf (Real Madrid), Nabil Dirar (Fenerbahçe).

Centrocampisti: Younes Belhanda (Galatasaray), M’Bark Boussoufa (Al-Jazira), Karim El Ahmadi (Feyenoord), Sofiane Amrabat (Feyenoord), Youssef Bennasser (Caen), Amine Harit (Schalke), Faycal Fajr (Getafe), Hakim Ziyech (Ajax), Mehdi Carcela (Standard Liegi), Noureddine Amrabat (Leganes).

Attaccanti: Khalid Boutaib (Malatyaspor), Aziz Bouhaddouz (St.Pauli), Ayoub El Kaabi (Renaissance de Berkane).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here