FORMAZIONI UFFICIALI

Palermo (4-3-2-1): Pomini; Rispoli, Bellusci, Rajkovic,
Aleesami; Ghanoré, Jajalo, Murawski; Trajkovski, Coronado; La
Gumina.
Venezia (3-5-2): Audero; Andelkovic, Modolo, Domizzi;
Bruscagin, Falzerano, Stulac, Pinato, Garofalo; Marsura, Geijo

STATISTICHE E CURIOSITÀ

Primo play-off in Serie B, da allenatori, sia per Roberto
Stellone che per Filippo Inzaghi. Nel caso di Stellone
allenatore si ricorda la partecipazione alla post-season della
I Divisione 2013/14, quando condusse in B il Frosinone,
vincendo la finalissima contro il Lecce, 1-1 all’andata a “Via
del Mare”, 3-1 dopo over-time nel ritorno al “Matusa”, dopo che
in semifinale aveva eliminato il Pisa (0-0 esterno e 2-1
casalingo). Impresa storica quella a cui è chiamato oggi
il Venezia a Palermo, anche a livello di statistica, vedendo i
precedenti nei playoff di Lega B: nei 6 casi passati in cui una
gara di andata si è chiusa 1-1, solo una volta – artefice il
Torino 2009/10 in semifinale – la squadra che ha giocato fuori
casa il ritorno si è qualificata: i granata vinsero 2-1 sul
Sassuolo, a Modena, staccando il pass per la finale, che poi
avrebbero perduto dal Brescia. Negli altri 5 casi qualificate
le squadre di casa: il Torino sul Cesena nella semifinale
2005/06, il Brescia sull’Empoli nella semifinale 2008/09,
l’Empoli sul Novara ed il Livorno sul Brescia nelle semifinali
2012/13, infine il Livorno nella finalissima contro l’Empoli
sempre nel 2012/13. Nella rosa 2017/18 del Palermo – prima
della semifinale di andata di mercoledì scorso al “Penzo” –
esistevano 5 giocatori che vantavano esperienze ai play-off di
Serie B: record-man Andrea Rispoli, 3 partecipazioni con
Brescia 2008/09 – battuto in finale dal Livorno -, 2009/10
promosso in A vincendo la finalissima sul Torino – e Sampdoria
2011/12 – promosso in A dopo la doppia finale contro il Varese
-, con 12 presenze totali – ed 1 rete segnata -, pluripresente
del torneo alla pari di Andrea Caracciolo, da stasera
primatista in solitario se giocasse anche solo un minuto; 2 le
partecipazioni per Alberto Pomini (4 presenze totali, sempre
con il Sassuolo, di cui 2 nel 2009/10 – fuori in semifinale dal
Torino – e 2 nel 2011/12 – eliminato dalla Sampdoria in
semifinale); 1 partecipazione a testa per Igor Coronado (4
presenze ed 1 gol nel Trapani 2015/16, che perse in finale dal
Pescara); Eddy Gnahorè (1 presenza senza gol nel Perugia
2016/17, eliminato in semifinale dal Benevento), Michel
Morganella (3 presenze senza gol nel Novara 2010/11, promosso
in A dopo doppia finale contro il Padova, 0-0 esterno e 2-0 al
“Piola”), Aljaz Struna (4 presenze senza gol nel Carpi 2016/17,
sconfitto in finale dal Benevento). Nella rosa 2017/18 del
Venezia – prima del turno preliminare vinto 3-0 sul Perugia
domenica 3 giugno – già 4 giocatori vantavano esperienze ai
play-off di Serie B: recordman Agostino Garofalo, che li ha
giocati 4 volte per complessive 7 presenze senza reti (2 con il
Grosseto 2008/09, eliminato in semifinale dal Livorno; 2 con il
Torino 2009/10, sconfitto in finale dal Brescia; 2 con il
Modena nel 2013/14, fuori in semifinale per mano del Cesena;
infine 1 con il Novara 2015/16, uscito in semifinale contro il
Pescara). Una partecipazione a testa per Matteo Bruscagin (1
presenza senza reti con il Latina 2013/14, sconfitto nella
doppia finale per 1-2 dal Cesena), Nicholas Frey (2 presenze
senza gol nel Modena 2005/06, eliminato in semifinale dal
Mantova), Gianluca Litteri (1 presenza senza reti nel
Cittadella 2016/17, fuori al preliminare dal Carpi). Nel turno
preliminare 2017/18 il Venezia ha “strapazzato” 3-0 il Perugia,
stabilendo quella che è stata la massima vittoria in un
preliminare dei playoff cadetti, da quando esiste l’attuale
formula: il precedente 3-0 era stato centrato dal Bari a
Crotone il 3 giugno 2014. Il Palermo cerca oggi il pass
per la finalissima dei playoff cadetti, dopo l’1-1 dell’andata
a Venezia. Sarebbe il modo migliore per festeggiare il
compleanno del patron del club di Viale del Fante, che ieri – 9
giugno – ha tagliato il traguardo delle 77 candeline sulla
torta di compleanno. Palermo in serie utile al “Barbera”
da 8 match consecutivi, con bilancio rosanero di 4 successi ed
altrettanti pareggi. L’ultima sconfitta interna dei siciliani
risale all’1-2 subito dal Foggia, in data 12 febbraio
scorso. In Venezia-Palermo saranno di fronte la terza e la
seconda difesa più solida della Lega B 2017/18, al termine
della regular season: 42 i gol subiti dai lagunari, 39 dai
siciliani. Meglio di loro il Parma, con sole 37 reti
incassate. Il Palermo ha trovato nel finale di stagione i
gol di Antonino La Gumina, autore di 4 delle ultime 6 reti
rosanero in regular season, ma anche – allargando i dati – di 8
degli ultimi 21 firmati dai siciliani. Prima della performance
finale, da marzo in avanti, La Gumina aveva segnato un solo
gol, nell’1-1 casalingo contro il Parma dell’ 8 ottobre
scorso. Il Venezia è la formazione della Lega B 2017/18
che ha subito meno ammonizioni: 66 in 42 giornate. A ruota
segue il Palermo, con 70 cartellini gialli rimediati al termine
della regular season. Secondo confronto tecnico fra
Roberto Stellone e Filippo Inzaghi. L’unico precedente è
relativo al match di andata, pareggiato per 1-1 a Venezia, lo
scorso 6 giugno. Da giocatori i due si sono incrociati 3 volte,
con 2 successi per Inzaghi (Napoli-Juventus 1-3 coppa Italia
1999/00 – con una delle 3 reti bianconere firmata dall’attuale
coach del Venezia – e Napoli-Juventus 1-2 serie A 2000/01 con
la rete azzurra di Stellone) ed 1 pareggio (Milan-Torino 0-0
serie A 2006/07). Seconda volta da allenatore per Roberto
Stellone contro il Venezia: anche in questo caso l’unico
precedente fa riferimento al pareggio per 1-1 della partita di
andata del playoff cadetto, 4 giorni fa. Il coach rosanero, da
giocatore, mai ha sconfitto su 3 incroci gli arancioneroverdi,
collezionando 2 pareggi (Venezia-Lucchese 0-0 nella B 1998/99 e
Napoli-Venezia 1-1 nella B 2002/03 con gol azzurro firmato
dall’attuale coach rosanero) ed 1 successo lagunare
(Venezia-Napoli 2-1, B 2002/03). Filippo Inzaghi affronta
per la sesta volta, da tecnico, il Palermo in partite
ufficiali. Il bilancio è di 2 vittorie per il coach
arancioneroverde, altrettanti pareggi ed 1 affermazione
rosanero. Il Venezia non segna a Palermo da 188’: ultima
rete firmata Paolo Poggi al 72’ di Palermo-Venezia 0-2 del 10
novembre 2002, in serie B: da allora si contano i residui 18’
di quella gara e le intere della B 2003/04 (4-0 rosanero) e di
quest’anno (0-0). Nei 24 precedenti ufficiali in Sicilia,
Venezia vittorioso 3 volte, sempre in serie B, nelle stagioni
1964/65, 1965/66 e 2002/03.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here