Perù-Danimarca sarà la seconda sfida del Girone C dei Mondiali.
Le due nazionali, che dunque conosceranno già i risultati delle
rivali, giocheranno alle 18.00 di sabato 16 giugno alla
Mordovia Arena Saransk, a poche ore dal termine di
Francia-Australia. Una sfida intrigante, il primo incontro in
assoluto nella storia tra le due. Di fronte le idee di calcio
di Gareca e Hareide, trascinati fino al Mondiale dai propri
talenti: su tutti, da una parte Paolo Guerrero, 34enne
capocannoniere del Perù (la cui squalifica è stata sospesa
dalla FIFA per permettergli di essere in campo in Russia),
dall’altra Christian Eriksen, diamante del Tottenham. Andamento
simile delle due nazionali nelle amichevoli delle ultime
settimane: due vittorie, contro Arabia Saudita e Scozia, e un
pareggio in Svezia per i sudamericani; un 2-0 al Messico a un
pari in Svezia per i danesi. Difesa di ferro quella di Gareca,
capace di riportare il Perù ai Mondiali dopo 36 anni: un solo
gol subito nelle ultime 7 gare e imbattibilità che dura ormai
da 15.

La probabile formazione del Perù

Come detto, la squadra di Gareca è in ottima forma ed è reduce
da un’incredibile striscia di risultati utili consecutivi. Per
questo motivo, il CT biancorosso è portato a cambiare il meno
possibile la conformazione del suo undici, solido e pungente.
Anche contro la Danimarca dovrebbe essere schierano un 4-2-3-1,
lo stesso visto nelle amichevoli pre-Mondiale. L’unico dubbio
riguarda l’estero alto di destra: ballottaggio tra Flores e
Carrillo per un posto da titolare. Davanti confermato Guerrero,
così come in blocco tutto il reparto difensivo.

Probabile Perù (4-2-3-1): Gallese; Advincula, Rodriguez,
Ramos, Trauco; Yotun, Tapia; Farfan, Cueva, Flores; Guerrero.

La probabile formazione della Danimarca

Anche la Danimarca sta vivendo un buon momento di forma, avendo
perso solo due delle ultime 10 partite giocate. La squadra di
Hareide arriva da quattro risultati utili consecutivi e
dovrebbe scendere in campo contro il Perù con la stessa
formazione vista il 9 giugno contro il Messico (2-0 finale).
Pochi i dubbi, in campo anche un giocatore della nostra Serie
A: si tratta di Stryger Larsen, esterno dell’Udinese. Nel
4-2-3-1, speculare a quello degli avversari, agirà in attacco
Jorgensen, solo panchina invece per il giocatore dell’Atalanta
Cornelius. 


Probabile Danimarca (4-2-3-1): Schmeichel; Dalsgaard,
Kjaer, Christensen, Stryger; Kvist, Delaney; Poulsen, Eriksen,
Sisto; Jorgensen



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here