“Cosa saresti disposto a fare se…”. Una domanda rivolta a
tanti tifosi, in caso di impresa delle rispettive squadre. Ma
se la risposta all’interrogativo è: “Butto giù una bottiglia di
vodka tutta di un fiato” e a darla è il commissario tecnico di
una delle nazionali presenti ai Mondiali, la cosa diventa più
insolita. Ad aver proferito queste parole è Hernan Dario Gomez,
allenatore del Panama, in proposito di una eventuale
qualificazione agli ottavi, che domani affronterà il Belgio per
l’esordio assoluto nella storia della nazionale panamense ai
Mondiali. “Stiamo sognando la cosa più incredibile che potevamo
sognare. Non possiamo contare su Ronaldo o Messi, ma abbiamo
diversi buoni giocatori, e se siamo in giornata magari…” ha
detto Gomez. La partecipazione ai Mondiali, dunque, è un
traguardo storico. Infatti, il capo di stato Varela ha
raggiunto la squadra in ritiro.

“Corpo caldo, testa fredda”

Bisogna crederci, rimanendo uniti: è questo il diktat di Gomez.
“Siamo pronti. Sappiamo che non siamo i favoriti ma nel calcio
può succedere di tutto. Il Belgio ha tanti giocatori molto
tecnici, con esperienza, e hanno in panchina un c.t. che
conosco e di cui ho grande stima. È uno degli avversari più
difficili del momento” ha proseguito il c.t. del Panama. Che
poi ha chiamato a raccolta tutta la squadra: “Stiamo tutti con
tutti, giochiamo con corpo caldo e testa fredda”. L’allenatore
ha quindi rivelato in gran parte la formazione che scenderà in
campo domani, probabilmente schierata col 4-1-4-1. In
conferenza con Gomez c’era il portiere Jaime Penedo, che ha
voluto dedicare un pensiero ad Amilcar Henriquez, compagno di
nazionale ucciso ad aprile.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here