Sfida già decisiva nel gruppo B: Cristiano Ronaldo, dopo la
tripletta contro la Spagna, proverà a trascinare il Portogallo
verso gli ottavi di finale. Potrebbe essere meno facile del
previsto contro un Marocco che si troverà già in una partita da
dentro o fuori dopo la sconfitta all’esordio con l’Iran. La
squadra di Renard dovrà cercare disperatamente di far punti per
non essere già fuori con un turno d’anticipo: Benatia e i suoi
proveranno a contenere il potenziale offensivo dei lusitani che
sono scenderanno in campo in formazione tipo, ovviamente, il
pericolo numero uno da tener d’occhio è CR7.

Le probabili formazioni

Portogallo (4-2-3-1): Rui Patricio; Cedric, Pepe, Fonte,
Guerreiro; William Carvalho, Joao Moutinho; Bernardo Silva,
Guedes, Bruno Fernandes; Cristiano Ronaldo. All.: Santos

Marocco (3-4-3): Munir; Hakimi, Benatia, Saiss; Harit,
El Ahmadi, Ziyech, Boussoufa; Belhanda, Kaabi, S. Amrabat.
All.: Renard

Statistiche e curiosità

Il Marocco ha sconfitto il Portogallo per 3-1 nell’unico
precedente tra queste due squadre, nella fase a gironi del
Mondiale 1986. Quella fu la prima storica vittoria dei
nordafricani in una Coppa del Mondo.

L’unica sconfitta del Portogallo contro una squadra africana ai
Mondiali risale proprio al precedente con il Marocco del 1986
(1-3) – due vittorie e un pareggio nelle successive tre sfide
contro Nazionali africane da allora.

Il talismano portoghese Cristiano Ronaldo ha segnato una
tripletta all’esordio contro la Spagna, diventando il quarto
calciatore della storia a riuscire ad andare in gol in quattro
differenti Mondiali, dopo Uwe Seeler, Pelè e Miroslav Klose.

L’attaccante del Portogallo, Cristiano Ronaldo, è il primo
giocatore della storia a segnare in otto grandi tornei
internazionali di fila (Coppa del Mondo, Europei/Copa America)
– il record precedente apparteneva a Zizinho (a bersaglio in
sette consecutivi).

Il centravanti del Marocco, Aziz Bouhaddouz, è stato autore di
un autogol nel match di esordio contro l’Iran, diventando così
il terzo giocatore subentrato dalla panchina a realizzare
un’autorete in una sfida di Coppa del Mondo, dopo Laszlo Dajka
nel 1986 (Ungheria contro Unone Sovietica) e Petit nel 2006
(Portogallo-Germania).

Cristiano Ronaldo aveva segnato un totale di tre gol con 70
tiri nei suoi primi tre Mondiali con il Portogallo (2006, 2010
e 2014) – nella Coppa del Mondo 2018 ha realizzato tre reti con
sole quattro conclusioni.

Il Marocco non ha subito neanche un tiro nel secondo tempo del
suo match d’esordio contro l’Iran.

I tre gol di Cristiano Ronaldo con il Portogallo contro la
Spagna lo hanno reso il giocatore più anziano ad aver segnato
una tripletta nella storia dei Mondiali (33 anni, 130 giorni).

68% di possesso palla per il Marocco nella sconfitta per 1-0
contro l’Iran, il dato più alto per una squadra che ha perso
una partita dei Mondiali dal giugno 2010, quando la Spagna
registrò il 73% nella sfida contro la Svizzera, persa 1-0.

L’attuale tecnico del Portogallo, Fernando Santos, ha vinto una
sola partita ai Mondiali (5G, 1V, 3N, 1P), proprio nell’unico
precedente contro un’avversaria africana, quando la sua Grecia
vinse 2-1 contro la Costa d’Avorio nel giugno 2014.

Il Portogallo non perde contro una squadra non europea ai
Mondiali dal giugno 2002, quando trovò la sconfitta per 1-0
contro la Corea del Sud (5V, 3N da allora).



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here